About me

Classe ’86, definita da molti “particolare” … io preferisco semplicemente camaleontica ma paradossalmente equilibrata, un’anima inquieta ed in continuo cambiamento; sono una campionessa di gaffes nel senso che  una ne penso e mille involontariamente ne faccio; spesso incline alla lacrima, dotata di ricci ma senza capricci, gamba lunga per natura e senso dell’humor fortunatamente sviluppato.

Per i miei genitori sono la figlia che “legge, scrive e che ha sempre un’opinione e qualcosa da dire”.

Per il Bro sono quella che cambia sempre idea e crea un “divertente caos creativo.

Aggiorno sempre la mia lista di “cose da fare, libri da leggere,musica da approfondire, parole da dire” perché non riesco a non avere un piano che in verità cambia continuamente e che non rispetto mai …..in fondo è divertente così.

Dopo due anni abbondanti di pensieri e ripensamenti sulla nascita di questo blog, alla fine mi trovo qui a parlarne e spiegare il motivo della sua creazione, un blog che di cambiamento parla e del cambiamento ne fa la sua natura.

In primo luogo è nato perché questa è la mia natura, semplicemente a me piace la moda, mi piace scrivere e vorrei fare questo finché ne ho la possibilità.

Secondo ho la necessità di comunicare ed ho bisogno di esprimere le mie opinioni.

Terzo e non in quest’ordine, ho un’idea della moda in quanto cultura mondiale, tradizione storica e forma d’arte.

In base alla mia teoria che si fonda sul tutto torna e tutto (ri)nasce, lo stile è ciò che resta e che si ripresenta ciclicamente a volte sotto forma di trends stagionali a volte come vere e proprie (ri)scoperte: “la moda è fatta per diventare fuori moda”.

In sintesi cambiamo pelle come il camaleonte, di stagione in stagione, ma la sostanza è sempre quella: riuscire a manifestare le diverse forme del proprio essere anche con l’aiuto di capi –accessori ma rimanendo sempre gli stessi.

Questo perché la capacità di cambiare è nella natura umana, scegliere di indossare qualcosa in base al proprio umore, al contesto, alle idee è la forma di moda che io preferisco: democratica e libera, la possibilità di manifestare liberamente le proprie diverse sfumature, poter dare sfogo alla propria personalità senza limiti e costrizioni.

Si passa da uno stile ad un altro con rapidità a volte senza riflettere sull’origine: la moda è sì democratica, accessibile ed è secondo me l’ambiente ideale per esprimere se stessi ed i propri stili. Cercare di scoprirne l’origine e raccontarlo è il mio scopo.

Essere un giorno chic ed il giorno dopo dark non risiede in un semplice cambio di maglia: dietro c’è una storia, c’è un evoluzione di un trend, c’è un icona che lo ha esaltato.

“Make a change”, è quello che mi ripeto tutti i giorni: cambia pelle , cambia pensiero, cambia opinione, cambia stile perché in ognuno di noi c’è un piccolo camaleonte, ci adattiamo e mutiamo continuamente e “The Chameleon’s Theory” è secondo me la teoria della vita, la teoria del progresso e dell’evoluzione perché nessuno ha iniziato e finito qualcosa  rimanendo sempre uguale … nessuno!!!